Mattinata fiorentina.pro

From: "Guido Menestrina" <gmenestr@tin.it>
Date: Mon, 22 Feb 1999 12:19:47 +0100

Canzone dei bei tempi, quando gli amoreggiamenti sui prati non trovavano ostacoli cultural-legali (jeans e simili;-( ), ma contribuivano ad un inquinamento metallico del suolo non indifferente. Ancora oggi, a 33 anni dall'alluvione, nel mio giardino a ben cercare si trovano si' tante forcine... Guido {t:Mattinata fiorentina} {st:D'Anzi - Galdieri} {comment:Trascrizione di gmenestr@tin.it} [Am] [D7] [G] [Cm] [G] E' prima[D7]vera... svegliatevi bam[G]bine, alle Ca[D7]scine messer Aprile fa il ruba[G]cuor... e a tarda [D7]sera madonne fioren[G]tine, quante for[D7]cine si troveranno sui prati in [G]fior. Fiorin di [G]noce, c'e' poca luce, ma tanta [D7]pace, fiorin di noce, c'e' poca [G]luce... Fiorin di [G]brace, madonna Bice non nega [D7]baci... baciar le [A7]piace... che male [D7]c'e? E' prima[D7]vera... svegliatevi bam[G]bine, alle Ca[D7]scine messer Aprile fa il ruba[G]cuor... E' primavera... che festa di colori! Madonne e fiori, tentaste il genio d'un gran pittor! E allora, a sera, fiorivano gli amori, gli stessi amori che adesso intrecciano i nostri cuor! Fiorin dipinto, s'amava tanto nel Quattrocento, fiorin dipinto... s'amava tanto... Fiorin d'argento, madonna Amante, le labbra tinte, persin dal vento si fa baciar! E' primavera... che festa di colori! madonne e fiori, trionfo eterno di gioventu'!