Canzone d'amore.crd

CANZONE D’AMORE - NOMADI
(“Ancora una volta con sentimento”, 1982)


INTRO:    (*)    LA-/DO/SOL/LA-   2 v.

        LA-                                       RE-                                                    LA-
L’orgasmo è rimasto un pensiero distratto tra il mitico e il vero
       SOL                             LA-               SOL                           LA-
Tra frasi non dette e pensate si inseguono ore angosciate.
       LA-                          RE-                                               LA-
Del coito non sei soddisfatta, qualcuno non ha scioperato
        SOL                          LA-             SOL                           LA-     (*)  2 v.
Il padrone ha alzato la cresta, la Cina ti ha abbandonato.

     LA-                           RE-                                                 LA-
Ragazza, impara a volare, i colombi in cerchio nel cielo
     SOL                                  LA-                 SOL                        LA-
Rispecchiano nell’ali spiegate il sole del giorno d’estate.
     LA-                         RE-                                                            LA-
Aspetta, non avere fretta, se il cielo è una lastra di ghiaccio
      SOL                         LA-                SOL                           LA-       (*)  2 v.
La nebbia ci bagna la faccia, d’inverno la notte è più fredda.

      LA-                               RE-                                              LA-
Vedrai sotto il sole d’estate, i fantasmi del sesso spuntare
      SOL                     LA-         SOL                                  LA-
Le ore passate, scordate, la pelle che sempre hai portato.
     LA-                            RE-                                              LA-
Se lasci trascorrere il tempo la pioggia verrà tra le foglie
      SOL                    LA      -   SOL                            LA-       (*)  2 v.
La terra diventerà verde, l’aria sarà fresca e dolce.

        LA-                          RE-                                                LA-
Non puoi lasciarmi d’estate, aspetta che venga l’inverno
        SOL                          LA-               SOL                         LA-      (*)  ad libitum
Non puoi lasciarmi d’inverno, aspetta che venga l’estate.