Non insegnate ai bambini.pro

Share&enjoy, .mau.

Non insegnate ai bambini (Giorgio Gaber)
=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=
|[Do][Do7+]|[Do][Do7+]|[Fa]       |   |[Do][Do7+]|[Do][Do7+]|

[Do]Non insegnate ai bam[Do7+]bini
\[Do]non inse[Do7+]gnate la vostra mo[Lam]rale
[Fa]è così stanca e malata
potrebbe far [Do]male[Do7+][Do][Do7+]
[Mi7]forse una grave imprudenza
è lasciarli in balia di una falsa cos[Lam]cienza.[Lam/Sol]

[Fa]Non elogiate il pensiero
che è [Mim]sempre più raro
[Rem]non indicate per [Sol]loro
una via cono[Lam]sciuta[Lam/Sol]
ma se proprio vo[Fa]lete
insegnate sol[Sol]tanto la magia della [Do]vita.[Do7+][Do][Do7+]

[Do]Giro giro tondo [Do6]cambia il [Do]mondo.

[Do]Non insegnate ai bam[Do7+]bini
\[Do]non divul[Do7+]gate illusioni so[Lam]ciali
[Fa]non gli riempite il futuro
di vecchi ide[Do]ali[Do7+][Do][Do7+]
[Mi7]l'unica cosa sicura è tenerli lontano
dalla nostra [Lam]cultura.[Lam/Sol]

[Fa]Non esaltate il talento
che è [Mim]sempre più spento
[Rem]non li avviate al bel [Sol]canto,
al teatro, alla [Lam]danza[Lam/Sol]
ma se proprio [Fa]volete
raccontategli il [Sol]sogno
di un'antica spe[Do]ranza.[Do7+][Do][Do7+]

[Do]Non insegnate ai bambini
[Si7]ma coltivate voi stessi il cuore e la [Mim]mente
[Sol7]stategli sempre vicini
[La7]date fiducia all'amore, il resto è [Sol]niente.[Sol/Fa][Do/Mi][Do]

[Do]Giro giro tondo [Do6]cambia il [Do]mondo.
[Do]Giro giro tondo [Do6]cambia il [Do]mondo.

=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=
_Non insegnate ai bambini_ può essere visto come il testamento spirituale
di Giorgio Gaber, e non è certo un caso che sia stata scelta come
accompagnamento musicale al funerale del signor G. Accade spesso nelle
sue canzoni che il testo sia preminente rispetto alla musica, ma in questo
caso la cosa è immediatamente visibile: il tempo è infatti lentissimo, e
ci sono lunghe pause tra le parole, che si avvertono declamate con fatica.

Musicalmente, la struttura del brano è la seguente:

intro (strum.) - strofa A - strofa B - ritornello - strofa A - strofa B -
middle8 - ritornello (due volte)

INTRO:

Cinque battute, semplicemente per dare il segnale della tonalità (I -
IV - I) e dello stile musicale (il passaggio con l'accordo di settima
maggiore).

STROFA A:

    |Do    Do7+   |Do   Do7+   |Lam    |     |
Do:  I                          vi

    |Fa    |     |Do   Do7+  |Do    Do7+|
     IV           I

    |Mi7   |     |Lam  Lam/Sol  |
     V-di-vi      vi

Formalmente si potrebbe considerare un'unica strofa data dall'insieme
di A e B; però preferisco esplicitare una divisione che è anche nello
stile musicale.

La strofa A è composta da 11 battute, un numero indubbiamente poco
standard. La tonalità è chiaramente il do maggiore, salvo una modulazione
finale verso il relativo la minore. La sua struttura non prevede un
accordo di dominante, lasciando al più debole passaggio attraverso la
sottodominante l'affermazione della tonalità. Anche il passaggio in
la minore è molto rapido: infatti il basso scende immediatamente al
sol per introdurre la strofa B. Questo è l'unico punto, tra l'altro,
dove si rompe la struttura "un accordo ogni due battute": i do7+ sono
infatti semplici coloriture.

STROFA B:

    |Fa     |Mim     |Rem  Sol7  |Lam  Lam/Sol  |
     IV      iii      ii   V      vi

    |Fa    |Sol   |Do   Do7+   |Do   Do7+  |
     IV     V      I

Otto battute dove il ritmo armonico accelera improvvisamente. Da notare il
passaggio inusuale IV-iii, e la cadenza evitata, vale a dire il la minore
invece che il do che ci si aspetta. Questo è l'equivalente musicale di
affermare "sì, ho detto queste cose, ma non è ancora finita!" In questo
contesto, credo si comprenda meglio l'esortazione a non *insegnare*
loro il teatro, che deve essere piuttosto sentito come cosa loro, e non
materia di studio.

RITORNELLO:

    |Do   |    Do6  |Do   |Do    |
     I

Quattro battute fisse sulla tonica, con giusto la coloritura di una sesta
aggiunta. La melodia è discendente, direi più per tendere al riposo che
alla disperazione: non sono riuscito a capire se nel testo "il mondo"
sia un soggetto, come nel girotondo originale, oppure complemento oggetto,
esortando così l'ascoltatore a cambiare questo mondo.

MIDDLE 8:

    |Do    |Si7   |Mim    |Sol7  |La7  |Sol Sol/Fa  |Do/Mi  Do   |
Do:  I    V-di-iii iii     V    II-di-V V    I6     I
Sol: IV    V-di-vi vi      I      II    I

La parte indubbiamente più interessante dal punto di vista armonico.
Sette battute - anche qui Gaber preferisce lasciare perdere le
divisioni usuali e accorciare la struttura, forse anche per compensare
il tempo lento.  L'accordo di si maggiore, che è estraneo alla tonalità
di do maggiore, introduce in realtà una strana modulazione... in sol
maggiore. Sì, alcuni potrebbero dire che in realtà il si maggiore è la
dominante del mi minore, ma armonicamente siamo ancorati in una tonalità
maggiore. Resta interessante il modo in cui la cadenza in sol viene
presentata: utilizzare il secondo grado maggiore (il la, insomma!) come
sostituto della dominante è usuale solamente all'inizio di una melodia,
non alla sua conclusione. Anche il passaggio finale risulta interessante,
perché evita la cadenza classica V-I, anticipandola. Detto in altro
modo, dopo il do maggiore in primo rivolto e quindi con il basso mi,
ci si aspetterebbe un sol (maggiore oppure settima), e infine il do che
conclude la cadenza. Trovarsi subito il do, invece in un certo senso
sembra dire "no, siamo già arrivati dove volevamo!"