La casa del pazzo.crd

From: Wolf <firewolf@tin.it>
Date: Fri, 19 Mar 1999 22:17:36 +0100

Gli accordi sono stati spediti qui qualche tempo fa, li ho solo messi al posto giusto sulla canzone Wolf La casa del pazzo Francesco de Gregori Rem Do Rem Fa Do Rem Rem Do In cima alla collina del tridente Rem appollaiata come una gallina Fa c'è la casa che il pazzo ha costruito Do Rem per avere la luna più vicina il pazzo sta scrivendo da vent'anni una canzone senza verità ma adesso é tardi e forse questa sera metterà un punto e l'abbandonerà le stelle sono fredde in fondo al porto dove le case cambiano colore dove c'è il molo dei contrabbandieri e costa un po' di meno anche l'amore fra i marinai che aspettano l'imbarco e ridono chiedendo un altro litro un vecchio guarda fisso oltre le navi dove il suo mare é diventato vetro in cima alla collina del tridente la luna sembra proprio una patata il palazzo del pazzo é illuminato la festa del perdono é cominciata scendendo dalle nuvole più basse un angelo é volato nella stanza e ha regalato al pazzo una pistola e il pazzo la pulisce con troppa noncuranza sulla sua tomba il vento sarà un bacio e l'erba la carezza di un'amante quando l'agnello belerà più forte e il mare sarà un po' meno distante e il vecchio in fondo al porto sarà un santo che si ubriaca con la sua virtù ricordando che il mare era diverso quando ha navigato in gioventù. Wolf
From: "Giulio" <g.bradamante@iol.it> Date: Fri, 20 Aug 1999 01:21:33 +0200
By: Giulio Bradamante (g.bradamante@iol.it) LA CASA DEL PAZZO (Testo e musica di Francesco De Gregori e Giorgio Lo Cascio) In [Re-]cima alla collina del tri[Do]dente appollaiata come una ga[Re-]llina c'é la casa che il pazzo ha costru[Fa]ito per [Do]avere la luna più vi[Re-]cina il pazzo sta scrivendo da vent'anni una canzone senza verità ma adesso é tardi e forse questa sera metterà un punto e l'abbandonerà le stelle sono fredde in fondo al porto dove le case cambiano colore dove c'é il molo dei contrabbandieri e costa un po' di meno anche l'amore fra i marinai che aspettano l'imbarco e ridono chiedendo un altro litro un vecchio guarda fisso oltre le navi dove il suo mare é diventato vetro in cima alla collina del tridente la luna sembra proprio una patata il palazzo del pazzo é illuminato la festa del perdono é cominciata scendendo dalle nuvole più basse un angelo é volato nella stanza e ha regalato al pazzo una pistola e il pazzo la pulisce con troppa noncuranza sulla sua tomba il vento sarà un bacio e l'erba la carezza di un'amante quando l'agnello belerà più forte e il mare sarà un po' meno distante e il vecchio in fondo al porto sarà un santo che si ubriaca con la sua virtù ricordando che il mare era diverso quando l'ha navigato in gioventù.