Khorakhane'.pro

From: malax@tin.it (Alessandro)
Date: Thu, 07 Jan 1999 19:53:03 GMT

{t:Khorakhane' (a forza di esser vento)} {st:Fabrizio De Andre'} Il [G]cuore ral[G4]lenta la [G]testa cammina In quel [Em]pozzo di piscio e cemento A quel [C]campo strappato dal [G]vento A forza di [D]essere vento Porto il [G]nome di tutti i battesimi Ogni nome il [Em]sigillo di un lasciapassare Per un [C]guado una terra una [G]nuvola un canto Un [D]diamante nascosto nel pane Per un solo [C]dolcissimo umore del [G]sangue Per la stessa [D]ragione del viaggio [G]viaggiare Il cuore rallenta e la testa cammina In un buio di giostre in disuso Qualche rom si e' fermato italiano Come un rame a imbrunire su un muro Saper leggere il libro del mondo Con parole cangianti e nessuna scrittura Nei sentieri costretti in un palmo di mano I segreti che fanno paura Finche' un uomo ti incontra e non si riconosce E ogni terra si accende e si arrende la pace [Em]I figli cadevano [B7]dal calendario Yugo[C]slavia [Cmaj7]Polonia Un[Am]gheria I soldati [G]prendevano tutti E tutti [D]buttavano via E poi Mirka a San Giorgio di maggio Tra le fiamme dei fiori a ridere a bere E un sollievo di lacrime a invadere gli occhi E dagli occhi cadere Ora alzatevi, spose bambine che e' venuto il tempo di andare con le vene celesti dei polsi anche oggi si va a caritare E se questo vuol dire rubare questo filo di pane tra miseria e fortuna allo specchio di questa kampina ai miei occhi limpidi come un addio lo puo' dire soltanto chi sa di raccogliere in bocca il punto di vista di Dio.
From: dominus@NOSPAMdivinus-dominus.com (Divinus Dominus) Date: Thu, 03 Feb 2000 05:11:04 GMT
#
NOTE
#This file is the author's own work and represents their interpretation of the # #song. You may only use this file for private study, scholarship, or research. # #
# by Divinus Dominus # Dedicato a it.arti.musica.spartiti e Amosfree (http://get.to/amosfree) {t:Khorakhanè (a forza di essere vento)} {st:1996} {chords_size: 1} {chords_position: 1} {print_chords:yes} {print_major:yes} {print_minor:yes} {print_seventh:yes} {print_bemol:yes} {print_bass_not_root:yes} {font:Title,Arial, 20, 0,true,false} {font:SubTitle,Arial, 14, 0,true,false} {font:Lyric,Comic Sans MS, 10, 0,false,false} {font:Chord,Arial, 8, 255,true,false} {font:Comment,Arial, 8, 16711680,false,false} {font:Tablature,Courier New, 10, 65280,false,false} {font:Header,Comic Sans MS, 10, 0,true,false} {font:Footer,Verdana, 10, 0,true,false} {font:Control,MS Sans Serif, 8, 16711680,false,false} {left_margin: 806} {right_margin: 432} {top_margin: 1000} {botton_margin: 1000} {print_orientation: 1} {comment:Moderatamente} {two_column_on} Il c[G]uore rallenta la testa cammina in quel [C]pozzo di piscio e cemento a quel [C]campo strappato dal v[G]ento a forza di e[D]ssere vento porto il [G]nome di tutti i battesimi ogni nome il s[C]igillo di un lasciapassare per un guado una terra una n[G]uvola un canto un di[D]amante nascosto nel [G]pane per un solo dolc[C]issimo umore del [G]sangue per la stessa rag[D]ione del viaggio viag[G]giare Il cuore rallenta e la testa cammina in un buio di giostre in disuso qualche rom si è fermato italiano come un rame a imbrunire su un muro saper leggere il libro del mondo con parole cangianti e nessuna scrittura nei sentieri costretti in un palmo di mano i segreti che fanno paura finchè un uomo ti incontra e non si riconosce e ogni terra si accende e si arrende la pace I [Dm]figli cadevano [A7]dal calendario Yugosla[Dm]via Polo[C]nia Ungher[Bb]ia i soldati prend[F]evano tutti e tutti but[C]tavano vi[D]a e poi Mirka a San Giorgio di maggio tra le fiamme dei fiori a ridere a bere e un sollievo di lacrime a invadere gli occhi e dagli occhi cadere [Em][Bm][C][G][D][G] ora alzatevi spose bambine che è venuto il tempo di andare {column_break} con le vene celesti dei polsi anche oggi si va a caritare e se questo vuol dire rubare questo filo di pane tra miseria e sfortuna allo specchio di questa kampina ai miei occhi limpidi come un addio lo può dire soltanto chi sa di raccogliere in bocca il punto di vista di Dio *[Am]Cvava [F]sero po t[E7]ute i [Am]kerava j[Dm6]ek sano [E+5]ot [E]mor[Am]i i taha [F]jek jak kon k[E7]asta [Am]vasu ti b[Dm]aro ne[E+5]bo av[E]i k[F]er [Em]kon ovla [C]so muta[B+5]vi[B7]a [Em]kon ovla [Am]ovla kon a[B+5]scov[B]i [Em]me gava [C]palan [B+5]lad[B7]i [Em]me gava [Am6]palan b[B+5]ura [B]ot cr[Em]oiuti {comment:TRADUZIONE} *Poserò la testa sulla tua spalla e farò un sogno di mare e domani un fuoco di legna perché l'aria azzurra diventi casa chi sarà a raccontare chi sarà sarà chi rimane io seguirò questo migrare seguirò questa corrente di ali Divinus Dominus http://www.divinus-dominus.com - CINO RICCI FANS CLUB !!! news@divinus.dominus.com