Il dono del cervo.crd

IL DONO DEL CERVO                                          ANGELO BRANDUARDI


DO     SOL    DO               SOL  LA-
Dimmi, buon signore, che siedi cos¨ quieto,
   DO   SOL     DO                SOL  LA-
la fine del tuo viaggio, che cosa ti port•?
   DO    SOL DO        MI   LA-
Le teste maculate di feroci tigri, 
    DO   SOL  DO       MI   LA-
per fartene tappeto le loro pelli?
SOL        DO                     MI     LA-
Sulle colline, tra il quarto e il quinto mese,
SOL      DO              MI    LA-
io per cacciare, da solo me ne andai.
              FA
E fu cos¨ che col cuore in gola, 
                    SOL   DO
un agguato al daino io tendevo,
                                           MI    LA-
ed invece venne il cervo, che davanti a me si ferm•.

 DO        SOL    DO              SOL LA-
"Piango il mio destino: io presto morir•
DO    SOL   DO      SOL     LA-    DO     SOL   DO
ed in dono allora a te io offrir•, queste ampie corna,
    MI     LA-    DO    SOL  DO          MI     LA-
mio buon signore, dalle mie orecchie, tu potrai bere,
SOL       DO                 MI        LA-
un chiaro specchio, sar… per te il mio occhio,
SOL        DO             MI   LA-
con il mio pelo, pennelli ti farai
                  FA                              SOL   DO
E se la mia carne cibo ti sar…, la mia pelle ti riscalder…
                                  MI   LA-
e sar… il mio fegato che coraggio ti dar….
                  FA                            SOL     DO
E cos¨ sar…, buon signore, che il corpo del tuo vecchio servo
                                     MI   LA-
sette volte dar… frutto, sette volte fiorir….

DO    SOL    DO               SOL  LA-
Dimmi buon signore, che siedi cos¨ quieto
   DO   SOL     DO                SOL  LA-           MI    LA-
la fine del tuo viaggio, che cosa ti port•, che cosa ti port•.