Che il mediterraneo sia.crd

CHE IL MEDITERRANEO SIA 
(Eugenio Bennato) 

SI-  mi-  Re  Mi-  La  Si-  Mi-  Si-

 Si-                 Mi-                        Re 
Che il Mediterraneo sia quella nave che va da sola
                      Mi-                         Si-
tutta musica e tutta vele su quell’onda dove si vola
                        Mi-            La               Si-
tra il maestrale e la leggenda del flamenco e della taranta
                      Mi-       La                Sim
e tra l’algebra e la magia nella scia di quei marinai
         Mi-           La                          Si-
e quell’onda che non smette mai che il Mediterraneo sia

 
Re                        Mi-                                          Re
Andare, andare, simme tutt’eguale affacciati alle sponde dello stesso mare
                          Mi-               La               Re
e nisciuno è pirata e nisciuno è emigrante simme tutte naviganti
Re                              Mi-                                       Re
allez, allez il n’y a pas de barrière nous sommes tous enfants de la même mer 
        Mi-                                   La                      Re                          
il n’y a pas de pirate il n’y a pas d’émigrant nous sommes tous des navigants

 
Si-                   mi-                          Re
Che il Mediterraneo sia la fortezza ca nun tene porte
                     Mi-                           Si-
addo’ ognuno po’ campare d’a ricchezza ca ognuno porta
                      Mi-                             Si-
ogni uomo con la sua stella nella notte del dio che balla
                      Mi-        La                  Si-
e ogni popolo col suo dio che accompagna tutti i marinai
     Mi-               La                            Si-
e quell’onda che non smette mai che il Mediterraneo sia

 
Re                         Mi-                                   Re
andare andare alla stessa festa,di una musica fatta di gente diversa
                         Mi-        La           Re
da Napoli che inventa melodia ai tamburi dell’Algeria
Re                           Mi-                                  Re
allez allez à la même fête d’une musique qui va et jamais ne s’arrête
                           Mi-          La             Si-
de Naples qui invente sa mélodie aux tambours de l’Algérie

 
Si-                         Mi-                    Re
Che il Mediterraneo sia quella nave che va da sempre
                       Mi-                       Sim
navigando tra nord e sud tra l’oriente e l’occidente
                       Mi-           La            Si-
e nel mare delle invenzioni quella bussola per navigare
                  Mi-             La                Si-
Nina, Pinta e Santa Maria e il coraggio di quei marinai
          Mi-                La                       Si-
e quel viaggio che non smette mai che il Mediterraneo sia

 

 (al baar al albiad al mutahuassed)

 Si-                       Mi-                  Re
Che il Mediterraneo sia quella nave che va da sola
                             Mi-                  Si-
tra il futuro e la poesia nella scia di quei marinai
                         Mi-          La             Si-
e quell’onda che non smette mai che il Mediterraneo sia.


by  scognamiglio.giovann@libero.it