Gagarin.crd


From: Francesco Loppini <loppini@edl.it> Date: Wed, 12 May 1999 21:33:33 +0200
GAGARIN SOL RE MI- SOL DO Quell’aprile si incendiò, al cielo mi donai, SOL LA- RE Gagarin figlio dell’umanità. E la terra restò giù, più piccola che mai io la guardai non mi perdonò. DO RE SI- FA MI4 E l’azzurro si squarciò e stelle trovai, LA- lentiggini di Dio, DO- SOL RE DO col mio viso sull’oblò io forse sognai… SI- E ancora adesso io volo… E lasciavo casa mia, la vodka ed i lillà e il lago che bagnò il bambino Yuri. Con il piede io scansai bugie e verità, calunnie, guerre, maschere antigas. Come un falco m’innalzai e sul Polo Nord sposai l’eternità, anche l’ombra mi rubò e solo restai… E ancora adesso io volo… SI- FA LA- MI- SOL FA DO Oh, oh, oh… Nell’infinito io volo… Sotto un timbro nero ormai io vi sorrido ma il mio sorriso se ne è andato via io vestito da robot per primo volai. E ancora adesso io volo… oh, oh, oh… -- __ |_ _ _ _ _ _ _ _ _ | _ _ _ . _ . | | (_| | ) (_ (- _) (_ (_) |__ (_) |_) |_) | | ) | | | loppini@edl.it loppini@tiscalinet.it ICQ: 13019849