Le donne di modena.pro

#
#This file is the author's own work and represents their interpretation of the # #song. You may only use this file for private study, scholarship, or research. # #
# by Maurizio Codogno (mau@beatles.cselt.stet.it) {title: Le donne di Modena} {subtitle: Francesco Baccini} [C] Le donne di [F]Modena [G]hanno [F]le ossa [C]grandi [Am] le donne di [C/G]Modena [F]hanno [G]larghi i [C]fianchi [Am] le donne di [C/G]Modena ac[F]cetta[G]no un in[C]vito [Am] e non il [C/G]caso di [F]esse[G]re il ma[C]rito[G7] Le donne di Genova portano gonne strette le donne di Genova non ridono per niente le donne di Genova pensano sia normale [Am] mettersi a [C/G]letto e [F]legge[G]re il gior[C]nale {soc} Ma tutte[F] fanno [G]da man[C]giare[C/B], [F] sanno [G]cuci[C]nare[C/B] [F] odia[G]no sti[C]rare[C/B] [F] e san [G]far l'a[C]more [F] Fanno [G]da man[C]giare[C/B], [F] sanno [G]cuci[C]nare[C/B] [F] odia[G]no sti[C]rare[C/B] [F] e san [G]far l'a[C]more [Em] [Am] Ed io che [Em]sono [F]uno spirito ma[C]ligno [Am] mi muovo di [Em]notte [F]con l'istinto di un ba[C]gnino[A] [Dm] hei, fam[F]mi capire un [G]po' [Dm]se ci [F]stai oppure [G]no {eoc} Le donne di Padova guardano dietro ai vetri le donne di Padova non hanno mai segreti le donne di Padova non un luogo comune [Am] che sotto il ve[C/G]stito na[F]scondo[G]no le [C]piume [A] [D] Le donne di [G]Napoli [A]sono tutte [G]delle [D]mamme [Bm] le donne di [D/A]Napoli si [G]gettano [A]tra le [D]fiamme [Bm] le donne di [D/A]Napoli, Dio,[G] ma che [A]bella inven[D]zione [Bm] riescono a [D/A]ridere anche [G]sotto [A]l'allu[D]vione {soc} E anch'esse[G] fanno [A]da man[D]giare[D/C#], [G] sanno [A]cuci[D]nare[D/C#] [G] odia[A]no sti[D]rare[D/C#] [G] e san [A]far l'a[D]more Fanno da mangiare, sanno cucinare odiano stirare e san far l'amore [Bm] Ed io che [F#m]sono [G]uno spirito ma[D]ligno [Bm] mi muovo di [F#m]notte [G]con l'istinto di un vam[D]piro[B] [Em] hei, fam[G]mi capire un [A]po' [Em]se ci [G]stai oppure [A]no {eoc} Le donne di Modena hanno le ossa grandi le donne di Genova ridono fra i denti le donne di Napoli, Dio, ma che bella invenzione le donne che ho avuto sono un'illusione. {soc} Infatti faccio da mangiare, non so cucinare odio ricamare ma so far l'amore Faccio da mangiare, odio ricamare faccio anche l'amore ma, ormai, un particolare. {eoc}